Tutto parte dal perché: sviluppare la tua strategia di branding attraverso il Golden Circle

HomeMarketingTutto parte dal perché: sviluppare la tua strategia di branding attraverso il Golden Circle
16 Maggio 2021
strategia di branding

Chi ci segue da qualche tempo avrà capito che noi di Wezed siamo abbastanza fissati con i “perché”. Si tratta quasi di un’ossessione, ai limiti del patologico. Ne abbiamo fatto addirittura uno slogan: “Se sai il perché, stai già un passo avanti”. La fortuna è che nel marketing – e nel digital marketing in particolare – quest’ossessione è particolarmente produttiva. Da un lato ci consente di fornire sempre nuovi spunti alla nostra incontentabile curiosità; dall’altro ci permette di incoraggiare i nostri clienti a scoprire ciò che li spinge a dare vita ai loro progetti. E il caso vuole che questo sia esattamente il miglior punto di partenza per la strutturazione di un’efficace strategia di branding.

Proprio così. Possiamo definirlo “perché”, o vision, o brand purpose. Si parla in ogni caso dell’obiettivo finale, della visione ispiratrice che guida gli imprenditori nella creazione e nell’amministrazione di aziende di successo. E che, pertanto, dovrebbe essere il fulcro del processo di definizione della brand personality e, successivamente, dello sviluppo della relativa brand identity.

“Avete iniziato a parlare in qualche antica lingua mesopotamica. Siete stati rapiti dagli alieni e state scrivendo da un’astronave?”

Hai perfettamente ragione. Certe volte fatichiamo a capirci anche fra di noi. Okay allora, facciamo ordine e facciamolo con calma. Sarà un articolo ad alto tasso di inglesismi direttamente estrapolati dal marketinghese stretto, ma ti promettiamo alla fine della fiera – anzi, dell’articolo – ne sarà valsa la pena.

Per creare un brand di successo… occorre sapere cos’è un brand

Partiamo da un termine il cui utilizzo è ormai entrato a far parte della nostra quotidianità, benché pochi possano dire di avere realmente le idee chiare su quale sia il suo significato: brand. Ne avrai sentito parlare ovunque: storie sui brand, attivismo dei brand, strategie utilizzate dai brand, guide digitali per creare un brand di successo in 24 ore e così via. Probabilmente avrai quindi un’idea più o meno precisa di ciò che un brand potrebbe e dovrebbe rappresentare.

Le centinaia di definizioni differenti che nel corso degli anni sono state attribuite alla parola di certo non ti avranno aiutato. Ciò che possiamo fare qui è riportare quella che, fra tutte, riteniamo la più valida, autorevole e, perché no, anche la più affascinante, coniata dall’esperto Gaetano Grizzanti:

Il brand è un generatore di valore aggiunto percepito rispetto a tutto ciò che identifica, oltre la realtà oggettiva delle cose.

Il brand, in altre parole, è l’insieme di tutti quei tratti mirati ad aumentare il valore percepito del tuo prodotto o servizio e più in generale della tua azienda. Sì, hai letto bene: aumentare il valore percepito, nel senso più letterale dell’espressione. Un brand ben strutturato è in grado di modificare profondamente la percezione di clienti e potenziali clienti nei confronti di ciò che offri, sia esso un prodotto (lo swoosh della Nike aumenta il valore percepito di un paio di scarpe), un servizio, o un’esperienza (prendere un caffè da Starbucks non è esattamente come prenderlo in qualsiasi altra caffetteria, giusto?).

Dalla definizione di brand a quella branding il passaggio è semplice. Per branding si intende lo sviluppo delle attività volte a definire l’essenza di un brand sotto ogni punto di vista: etico (valori), visuale (logo, payoff, font, etc.), strategico (posizionamento, marketing) e contenutistico (comunicazione, tone of voice e così via). Praticamente lo sviluppo di quella che potremmo definire, a tutti gli effetti, la sua personalità. Per l’appunto, brand personality. Donare a questa “personalità del brand” una dimensione concretamente percettibile, delle caratteristiche riconoscibili e memorizzabili da parte del pubblico, significa plasmarne l’identità: brand identity. In poche parole, la vision ispira la personalità del brand, che a sua volta indica la strada per definirne i tratti identitari. Più comprensibile di quanto potesse sembrare, giusto?

Dalla vision (perché) ai valori del brand (come), fino al prodotto/servizio (cosa): il Golden Circle

Se prendessimo 100 persone, di età differente, che ricoprono ruoli diversi (impiegato, responsabile, supervisore, dirigente, direttore e chi più ne ha più ne metta) all’interno di aziende diverse in settori diversi, e chiedessimo loro “cosa” produce l’azienda per cui lavorano, 100 su 100 saprebbero rispondere con assoluta precisione. Se chiedessimo loro “come”, 90-95 su 100 saprebbero rispondere correttamente. Ma se chiedessimo invece loro “perché” lo produce?

Con questo domandone retorico/esistenziale Simon Sinek introdusse la teoria del Golden Circle (il “Cerchio d’Oro”) nel corso di uno dei Ted Talk più famosi e apprezzati in assoluto. La teoria dello scrittore e speaker statunitense è illuminante nella sua semplicità. La maggior parte dei brand, delle organizzazioni e dei singoli leader, focalizza il proprio messaggio – quindi la propria comunicazione, quindi il racconto della propria identità – sul “cosa”, ovvero sulle caratteristiche del proprio prodotto o servizio:

  •  Produciamo computer straordinari!
  •  Facciamo la pizza più buona della città!
  •  Vendiamo abiti delle migliori marche!

Nei casi migliori, possono arrivare al parlare del “come”:

  • Lavoriamo con diligenza e professionalità.
  • Ci rapportiamo al mercato in modo consapevole ed esperto.
  • Abbiamo le competenze necessarie a trovare le soluzioni giuste.

Raramente, tuttavia, riescono a partire dal perché. Raramente riescono a impostare la propria comunicazione sulla vision che ispira (o dovrebbe ispirare) le loro azioni, la loro politica aziendale e il loro ruolo nella società. E nella maggior parte dei casi tale mancanza è dovuta al fatto che, molto banalmente, non la conoscono o l’hanno dimenticata. Una mancanza solo in apparenza ininfluente, ma che in realtà, soprattutto sul lungo periodo, fa la differenza in termini di notorietà, crescita e fatturato.

Il perché, inteso come caratteristica emotiva distintiva della natura del brand, è esattamente ciò che muove le persone all’azione (tradotto: all’acquisto). Come abbiamo già avuto modo di vedere in molti dei nostri articoli (e come avremo modo di vedere in tanti altri), la prospettiva emozionale che un brand è in grado di offrire attraverso la propria vision e i propri valori è esattamente il fattore che determina la profondità del rapporto che quel brand stringerà con il proprio pubblico. Più la prospettiva e i valori del brand traspariranno dalla sua identità, più il legame emotivo diverrà solido e il target (se profilato nel modo giusto, sia chiaro) sarà propenso a sceglierlo e a reiterare quella scelta.

Attenzione, questo non vuol dire focalizzare ogni tipo di contenuto esclusivamente sul concetto di vision, ovvero parlare sempre e solo del perché. Il come, ovvero il sistema di valori di un brand attraverso cui la vision si concretizza, è altrettanto importante, poiché è in quei valori che le persone si riconosceranno o meno. Del resto, non per tutti il fine giustifica i mezzi e per molti individui il modo in cui si cerca di raggiungere un traguardo è importante quanto il traguardo stesso. Infine, naturalmente, il messaggio non può non includere il “cosa”, ovvero il prodotto o il servizio, il risultato di un processo ispirato dalla vision e guidato dai valori aziendali, che deve quindi necessariamente esserne all’altezza. Sì, le persone scelgono soprattutto in base al perché, ma è il cosa che alla fine portano via dopo aver acquistato.

La chiave di un’efficace strategia di branding: l’autenticità

A questo punto c’è un altro concetto legato al Golden Circle che è importante tenere sempre a mente: l’autenticità. Sinek definisce “autentiche” quelle strategie di branding e comunicazione in cui il perché, il come e il cosa del Cerchio d’Oro risultano perfettamente allineati, ovvero totalmente coerenti l’uno con l’altro. Una coerenza, aggiungiamo noi di Wezed (ci piace citare i top player di settore, ma amiamo sempre metterci del nostro), così profonda da assumere forma concreta in quei tratti distintivi che il pubblico può percepire e attraverso cui può distinguere il brand dagli altri: immagini, frame, font, packaging, tone of voice e così via.

Prendiamo un’azienda a caso: Apple (ma proprio a caso a caso a caso). Il perché di Apple è perfettamente espresso nel suo Think different, attualmente uno dei payoff più famosi della storia (il payoff, per farla breve, è la frase coniata per racchiudere in poche sillabe l’essenza stessa di un’azienda), e si riflette costantemente in tutto ciò che il brand della Mela promette, annuncia e realizza. Apple nasce per cambiare il mondo e per farlo nel modo più innovativo possibile, e la sua strategia di branding, dalla produzione degli spot televisivi al design dei prodotti, altro non è che il compimento di tale vision. Giorno dopo giorno, le persone in tutto il mondo premiano questa coerenza, o meglio, questa autenticità, continuando ad acquistare le creazioni di Apple e le versioni aggiornate delle stesse creazioni.

Ciò vuol dire che basta essere coerenti e autentici per diventare Apple? Certo che no. Ma ora sai qual è il punto di partenza: il perché. Il tuo perché. E sai che prima di impostare qualsiasi strategia di branding per la tua azienda, è fondamentale che quel perché sia chiaro e definito, non solo nella tua testa, ma anche in quella dei tuoi collaboratori, dei tuoi dipendenti e, naturalmente, in quella di chi seguirà lo sviluppo del tuo brand e del tuo piano marketing, online e offline. Ah, giusto, stavamo tralasciando un aspetto decisivo della questione: l’autenticità non si può simulare. Per essere autentici fuori, bisogna esserlo dentro. Vale per le aziende, come per le persone.

© 2021 All rights reserved. Sviluppato da Wezed Srls.

SE NON HAI TEMPO DI LEGGERE ORA,
LEGGI CON COMODO APPENA PUOI

Per ricevere settimanalmente i nostri articoli, puoi iscriverti
alla newsletter di Wezed. Nelle mail inseriremo un'anteprima
dei contenuti, per farti capire subito se l'argomento sia
o meno di tuo interesse.

E nel caso te lo stia chiedendo:
sì, ti invieremo solo articoli informativi e nient'altro.

Per entrare a far parte della community,
compila al volo questo form









Edit Form